Borgo di Cicciano

L'origine dell'antico borgo di Cicciano, insieme ai sobborghi di Cutignano e Curano, è collocabile tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C., durante la fase di massiccia romanizzazione dell'agro nolano. Della fase romana restano due statue funerarie e dei reperti rinvenuti in una necropoli scoperta all'incrocio tra le vie De Stefano e Corpo di Cristo.

Con il medioevo la vecchia comunità ciccianese si trasforma anche nell'impianto urbanistico, che assume uno schema radiocentrico: un nodo centrale, il Castro (casa-fortezza, residenza del Commendatore), da cui si dipartono, a raggiera, le principali vie di comunicazioni, collegate tra loro da vicoli dall'antico tracciato ortogonale, e su cui si affacciano case aggregate intorno a corti interne (foto con particolare del portale del Castello).

Il Castello divenne residenza dei Cavalieri di Malta. Da semplice "domus" del secolo XIII, l'insediamento di Cicciano diventa prima "commenda" e poi "commenda magistrale". Nel secolo XIV, vi soggiornò Riccardo Caracciolo, l'unico anti Gran Maestro che l'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme abbia mai avuto nella sua plurisecolare storia, in contrapposizione ufficiale con l'allora Gran Maestro Juan Fernàndez de Herédia. La modesta "domus", fu trasformata in fortilizio, circondato da mura e fossato, in cui fu edificata la chiesa di San Pietro (foto con particolare dell'acquasantiera) che conserva numerosi stemmi marmorei dei Commendatori e una tavola raffigurante l'Annunciazione datata 1594 e firmata da Antonio Ardito.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Lo sapevi che Cicciano

Bilancio in attivo

… un bozzetto della grande tela dell’altare maggiore della Collegiata di Marigliano realizzato da Domenico Antonio Vaccaro, si conserva all’Art Museum di Worcester nel Massachusetts (USA)

 
Nasce l'Area Nolana Digitale

… nel 1754 Sant’Alfonso dei Liguori ideò a Nola il famosissimo canto “Tu scendi dalle stelle”

 
Titolo notizia in primo piano

… la Campania è la prima regione italiana nella produzione di nocciole. La varietà che caratterizza il territorio nolano è la “Mortarella” e la “San Giovanni”

 
 
 
 

Registro imprese NA P. IVA e C.F. 04525451219
Rea n-700725 Capitale Sociale € 266.383,50 i.v.
Skype Skype: areanolanadigitale Help Desk Help Desk: 081 82 39 106
mail certificata: agenziaareanolana@pec.it

Area Nolana Digitale